Elettrovalvole 2 vie normalmente chiuse ad azionamento o comando misto. Pressione di apertura 0 bar.

Elettrovalvole a 2 vie a comando misto

Componenti principali: corpo con orificio principale, coperchio, assieme membrana (o pistone), assieme cannotto + assieme nucleo mobile, bobina.

Funzionamento:

Le elettrovalvole a 2 vie normalmente chiuse a comando misto presentano un raccordo di entrata ed un raccordo di utilizzo.
L’apertura dell’orificio principale, presente nel corpo, avviene per effetto di uno squilibrio di pressioni tra la faccia superiore e la faccia inferiore di una membrana (o di un pistone) unitamente ad un’azione diretta del nucleo mobile che è vincolato alla membrana. In sostanza il funzionamento è simile a quello delle elettrovalvole servocomandate per quanto riguarda lo spostamento della membrana, con la differenza che, anche con piccole differenze di pressione tra alimentazione ed utilizzo, il funzionamento è garantito dall’azione diretta esercitata dal nucleo mobile sulla membrana. Quindi, anche in questo caso, quando la bobina non è alimentata, nella camera sopra alla membrana si ha fluido in pressione, mentre al di sotto della membrana si ha pressione solo nella zona esterna all’orificio principale: perciò la risultante delle forze sulla membrana risulta tale da spingere la membrana a chiudere l’orificio principale. Quando la bobina viene alimentata, lo spostamento del nucleo mobile su cui è montata una guarnizione, provoca l’apertura di un orificio presente sull’assieme membrana (orificio pilota) e scarica la camera sopra alla membrana; contemporaneamente il nucleo esercita una forza diretta sulla membrana aiutandola ad aprirsi. La somma di questa forza e dello squilibrio di pressioni sui due lati della membrana causa lo spostamento della membrana stessa che apre l’orificio principale.

Note:
In questa famiglia di elettrovalvole, a differenza di quelle servocomandate, non è necessaria una minima differenza di pressione tra il raccordo di alimentazione e quello di utilizzo per garantire il corretto funzionamento dell’elettrovalvola stessa. Tuttavia un’eccessiva differenza di pressione tra l’alimentazione e l’utilizzo, come sulle elettrovalvole a 2 vie normalmente chiuse a comando diretto, causa un aumento della forza necessaria per l’apertura dell’orificio pilota, per cui se questa differenza di pressione è superiore al valore massimo per cui è stata progettata l’elettrovalvola, quest’ultima potrebbe non aprirsi anche a bobina alimentata.
Per il corretto funzionamento dell’elettrovalvola e per evitare il rapido deperimento della membrana, è auspicabile che, nel momento in cui si inizia a chiudere la valvola, il valore di portata non sia superiore al Kv, cioè al valore di portata garantito con perdita di carico attraverso l’elettrovalvola pari a 1 bar. Per questo, se la pressione di alimentazione a valvola aperta risulta superiore ad 1 bar, è sconsigliabile l’utilizzo della valvola a bocca libera, cioè senza un’opportuna strozzatura sulla bocca di scarico che riporti la perdita di carico sull’elettrovalvola al valore di 1 bar.
Inoltre bisogna prestare particolare attenzione nella progettazione del circuito idraulico, al problema dei colpi d’ariete, che possono causare sovrapressioni tali da lacerare la membrana o danneggiare altre parti dell’elettrovalvola.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Elettrovalvole a 2 vie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...